mercoledì 7 gennaio 2015

Dieta post natalizia? Ecco qualche consiglio

Alzi la mano chi oggi non ha detto o pensato di mettersi a dieta dopo le abbuffate dei giorni di festa.
Il difficile però è portare a termine i buoni propositi e smaltire i chili di troppo accumulati
Vediamo quali sono i consigli che girano in rete per raggiungere l'obiettivo e non fare sacrifici esagerati.



Prima di ogni cosa eliminiamo tutti i dolci natalizi. Se ve ne sono avanzati, dateli a qualche nipote che ne sarà certamente felice. In alternativa consumateli a colazione e stop.
E' necessario seguire per 7-10 giorni una dieta ferrea e disintossicante a base di minestroni di verdura, in modo tale da eliminare le tossine in eccesso. Pane integrale, farro e orzo si possono aggiungere alle minestre, ma senza esagerare.
No a formaggi e salumi e sì a bacche di Goji, semi di Chia e semi di lino, ricchi di omega 3 e dal potere antiossidante.
Viste le basse temperature si possono bere anche molte tisane, tè verde e tè nero, per drenare i liquidi in eccesso ed eliminare i sali aggiunti.

Legumi, carne bianca e pesce vanno sempre bene.
No ai salumi, formaggi e carne rossa.



Iniziate la giornata con una colazione nutriente e leggera. Frutta fresca (arance, mele, pere e kiwi), yogurt bianco magro e una manciata di noci, nocciole o mandorle sarebbero l'ideale. Vanno bene anche i panettoni e i pandori avanzati, ma con moderazione.
Sarebbe bene cercare di ridurre o eliminare, almeno per una settimana, latticini e carboidrati.
Cicoria, spinaci, radicchio, zucche e zucchine, insalata, finocchi e carote sono deliziosi anche sbollentati, conditi con un filo d'olio e una spolverata di spezie. Le verdure crude possono costituire un ottimo snack per la merenda o prima dei pasti, un trucco che permette di arrivare a cena con meno appetito. Cercate di bere molta acqua, ma soprattutto non dimenticate il movimento: una lunga camminata all'aria aperta è un allenamento per il corpo, ma agisce anche come antistress e migliora il metabolismo con effetti positivi sull'umore.


Se invece volete qualcosa più alla moda, vi segnalo che tra le star di Hollywood trionfa oggi la Dieta 5:2, meglio conosciuta anche come intermittente: 2 giorni di restrizione calorica (in cui si ingurgita un quarto delle calorie giornaliere raccomandate) e 5 senza limiti. L'ultima moda in fatto di regimi dimagranti è nata in Inghilterra, inventata dal giornalista scientifico Michael Mosley e dalla collega Mimi Spencer.
Questo regime ha trovato rapidamente molti adepti grazie alla possibilità di concentrare il sacrificio in due giorni: le donne non devono superare le 500 calorie e gli uomini 600. Per il resto della settimana si mangia normalmente. E' il principio del 'digiuno intermittente' o della restrizione calorica a singhiozzo, spiegano Mosley e Spencer.
Secondo gli inventori, inoltre, la dieta 5:2 non fa perdere massa muscolare, non deprime l’umore, tiene sotto controllo colesterolo e glicemia e migliora le abitudini alimentari. Oltretutto non costringe a rinunciare a occasioni mondane o aperitivi.
Inoltre il 'Daily Mail' suggerisce alcuni accorgimenti per far sì che il sistema funzioni al meglio: come ad esempio conoscere il proprio peso, il girovita e l'indice di massa corporea iniziali, registrare i propri progressi su un 'diario della dieta', trovare un amico che segua la 5:2 e possa offrire un supporto nei momenti di difficoltà. Ma anche evitare di fare la spesa nei giorni del 'digiuno', perché può essere molto difficile 'resistere' alle tentazioni.
Sempre nei due giorni di restrizione calorica meglio tenersi impegnati e avere un fitto programma di impegni, per evitare di ritrovarsi a guardare il frigo, e soprattutto bere molta acqua. Attenzione però: questa dieta non è raccomandata per i bambini, le donne in gravidanza o allattamento, le persone con diabete di tipo 1 o insulinodipendenti e chi soffre di disordini alimentari.




Il consiglio dei dietologi è comunque sempre lo stesso: per rimettersi in forma non aiutano i drastici digiuni e i “salti del pasto”, ma è necessario adottare una dieta a base di cibi leggeri, ricca di frutta e verdura con il consumo di molta acqua. Una dieta bilanciata, insomma, oltre a un po' di attività fisica che deve essere praticata con una certa costanza.
Ma se preferite una lista sommaria, ecco 10 cibi che notoriamente depurano l'organismo:
1. Limone: un vero toccasana per la bellezza, non solo sarà utile per digerire un pasto non troppo leggero, ma anche per pulire l’organismo. Ottimo è iniziare la mattinata con una tazza di acqua calda e succo di limone.
2. Lenticchie: i loro benefici sono davvero tanti e se cotte senza grassi aggiuntivi, servono a regolarizzare l’intestino e a far tornare la pancia piatta come un tempo.
3. Carciofi: eliminano la sensazione di pesantezza, soprattutto se crudi in insalata oppure appena scottati in padella.
4. Acqua: fondamentale in tutte le diete, è importantissima per depurare il fegato dopo gli eccessi delle feste. L’ideale è bere dai due ai tre litri di acqua al giorno preferendo quelle ricche di sali minerali e magnesio che depurano l’organismo.
5. Mela: utilissima per combattere la ritenzione idrica e sbarazzarsi dei chili di troppo, quella verde è ideale perché contiene poche calorie ha maggiori proprietà depurative.
6. Avena: uno dei cereali migliori da inserire in una dieta post feste natalizie. Grazie alla sua elevata quantità di proteine è un alimento estremamente nutritivo e stimola il metabolismo aiutando così a perdere i chili di troppo: ottima a colazione ma anche aggiunta a minestre e vellutate.
7. Songino: una varietà di insalata che contiene tantissime vitamine come la A, B e C. Stimola l’intestino depurandolo e aiuta ad eliminare le tossine.
8. Zenzero: un ottimo alimento che aiuta ad eliminare impurità e tossine dallo stomaco oltre che apportare un effetto antiossidante che combatte i radicali liberi.
9. Asparagi: le loro proprietà benefiche sono tantissime, aiutano ad eliminare le tossine e depurano l’organismo grazie all’elevato contenuto di acqua che elimina i liquidi in eccesso.
10. Finocchio: ottimo per l’effetto diuretico e per stimolare la funzionalità intestinale. Contiene pochissime calorie e può essere utilizzato sia crudo che come condimento di pasta e ripieni.

Buona dieta a tutti!!

J.D.

0 commenti:

Posta un commento