sabato 7 febbraio 2015

Prelevato dallo scaffale: "La ragazza di carta" di Guillaume Musso

Ho appena terminato di leggere questo bel romanzo del 2010 di Guillaume Musso e prontamente vengo a segnalarvelo e a consigliarvelo.

Guillaume Musso

Partiamo dalla trama:
In piena crisi di ispirazione, solo e senza un soldo, lo scrittore Tom Boyde non riesce a terminare il suo ultimo romanzo. Proprio quando tutto sembra perduto, nella sua vita entra Billie. Misteriosa e bellissima, compare all'improvviso in una notte di pioggia, con una storia incredibile da raccontare. Gli dice infatti di essere la protagonista del suo romanzo, caduta nel mondo reale da una frase che lui ha lasciato in sospeso. Se ora Tom non riprenderà a scrivere, lei morirà. Sembra assurdo, eppure... Eppure, Tom le crede. Perché è già follemente innamorato. Insieme Billie e Tom affronteranno un'avventura straordinaria, in cui nulla è ciò che sembra. E scopriranno che la vita, a volte, può essere un gioco pericoloso...


Avvincente e incalzante, questo è senza dubbio il miglior romanzo di Musso tra quelli che ho letto finora (Sette anni senza di te, Quando si ama non scende mai la notte e Ti vengo a cercare).
Ho amato tutti i personaggi, dallo scrittore in crisi all'amico scapestrato, dalla poliziotta dal buon cuore alla ragazza di carta del titolo che arriva a sconvolgere tutti gli equilibri. E' un romanzo che mi ricorda molte commedie americane di una volta, che strizza l'occhio a Woody Allen, che basa la sua forza sui ping pong verbali e le situazioni tragicomiche.
E' una storia di rinascita, un esempio di come reagire alle avversità, una storia d'amore ma anche di profonda amicizia.
Musso è bravissimo a mescolare realtà e fantasia, emozionando il lettore senza apparire banale e scontato, ma con grande semplicità e ironia.
Se capitate in libreria e lo vedete su uno scaffale, insomma, non lasciatelo lì. Portatelo a casa con voi e godetevi qualche piacevolissima ora di evasione.

J.D.



0 commenti:

Posta un commento