lunedì 3 agosto 2015

"Non avere paura del buio", di Troy Nixey

Per la mia notte horror della domenica sera, estate 2015, ho scelto ieri "Non avere paura del buio", con protagonista la ex signora Cruise, al secolo Katie "Joey Potter" Holmes.
Ero stata attratta dal fatto che sceneggiatore e produttore fosse quel geniaccio indiscusso di Guillermo Del Toro...
Errore madornale.


La trama:
Un sinuoso movimento di macchina ci accompagna al di là del cancello di un maniero vittoriano: dopo aver compiuto un tremendo omicidio, un uomo viene inghiottito da una fornace. Un secolo dopo, la piccola Sally è in volo per raggiungere il padre Alex e la sua giovane fidanzata Kim, che hanno da poco concluso proprio il restauro di quella vecchia casa dove abiteranno temporaneamente in prospettiva di una futura vendita. Poco incline ad accettare la compagna del genitore, la bambina scopre uno scantinato in cui, senza volerlo, libera una terribile forza pronta a trascinarla nell'oscurità.


Il film non decolla mai e questo è il suo difetto principale. L'atmosfera gotica è resa anche bene, ma si attende per tutto il film un cambio di ritmo che purtroppo viene a mancare e toglie moltissimo al risultato finale, che in fin dei conti è abbastanza noioso.
La simpatia della bambina (Bailee Madison) porta poi a tifare spudoratamente per le creaturine demoniache, il che non credo fosse esattamente nell'intento del regista.


Meglio Katie Holmes, che al di là dell'aspetto un po' sciupato appare in parte e a suo agio con un personaggio tutto sommato gradevole e per il quale si prova empatia.


Non ho visto il film originale del 1973 di cui questo è un remake, ma sarei pronta a scommettere un eurino sul fatto che il predecessore fosse fatto meglio.
Peccato perchè gli spunti di base c'erano e tutto sa un po' di occasione sprecata.
Il regista Troy Nixey, ad ogni modo, è un esordiente (di mestiere fa il fumettista) e può darsi la prossima volta faccia meglio.
Se mai ci sarà, una prossima volta...

J.D.

0 commenti:

Posta un commento