giovedì 24 dicembre 2015

"Star wars - Il risveglio della forza" di J.J.Abrams

Rieccomi... Pensavate che vi avessi abbandonato, vero?
E invece no. Sono semplicemente uscita da un periodo difficile, ma ora sono tornata in pista.
E per festeggiare, cosa c'è di meglio che parlare di Star Wars nel giorno della Vigilia di Natale?

Star Wars - The Force Awakens - Poster

Ebbene sì, sonoandata anch'io a vedere "Il risveglio della forza", finalmente. Da appassionata quale sono (chi ha detto nerd?) non potevo certamente esimermi.
Così come non potevo tirarmi indietro dal proporvi la mia recensione su ciò che ho visto.
Pronti?
Che la Forza sia con voi!

ATTENZIONE CI SARANNO SPOILER! 
TANTI SPOILER!!
(Se non avete visto il film, tornate dopo averlo fatto)

Partiamo dalla trama perchè così mi levo subito il dente. E' tanto, troppo simile a Episodio IV.
Il droide con le informazioni vitali per la Resistenza, i cattivi che lo cercano, il buono che ancora non sa di esserlo che lo trova e lo deve portare a chi di dovere, un importante membro della Resistenza che viene catturato e poi fatto evadere, un'arma potentissima in mano ai cattivi in grado di distruggere pianeti interi, l'attacco della Resistenza che fa esplodere l'arma, il vecchio saggio del film ucciso nella scena madre con i giovani protagonisti che assistono impotenti...
Tutta una serie di analogie che da un lato riportano a casa i fan della serie, ma dall'altro tolgono un po' di gusto alla visione del film.
In mezzo c'è tanta altra roba, è vero. Personaggi nuovi, rimandi ai vecchi, un differente percorso di formazione per i nuovi protagonisti, un nuovo cattivo di tutt'altra pasta rispetto al vecchio... Però l'ossatura della pellicola è la stessa.

Daisy Ridley e John Boyega

A proposito dei personaggi...
Ecco, su questo fronte invece sono entusiasta. Mi sono piaciuti tutti, dal primo all'ultimo.
In particolar modo i due giovani Rey e Finn, di cui certamente si parlerà molto nell'arco temporale che ci separa da Episodio VIII (un anno e mezzo... dovrebbe uscire nella primavera del 2017).
Si parlerà molto perchè le ipotesi sulle loro identità e le loro capacità sono molteplici e stanno fioccando in rete come una tempesta di neve.
Rey, a cui dà il volto l'esordiente Daisy Ridley (di cui devo ammettere la bellezza disarmante), è una ragazza sola, abbandonata da tutti e soprattutto dalla sua famiglia di cui aspetta pazientemente il ritorno. Viene catapultata nell'avventura quasi suo malgrado, ma spinta da un qualcosa sepolto dentro di lei. Sì, sepolto, perchè il risveglio della forza del titolo è ciò che avviene in Rey lungo tutta la pellicola, dal fare la cosa giusta quando decide di non vendere il droide a quando vince la battaglia mentale con Kylo Ren, dal test di controllo mentale sulla guardia al momento in cui prende in mano la spada di Luke e completa il percorso del risveglio. Ma ora tutti si chiedono... Di chi è figlia? Di Luke, sembra suggerirci ogni inquadratura... Ma è davvero così? Con J.J.Abrams c'è da aspettarsi di tutto (Lost vi dice qualcosa?).
Poi c'è Finn (John Boyega), questo disertore un po' impacciato e imperfetto che dimostra però un coraggio da leone in più di un'occasione. Finn è tutti noi, il ragazzo normale che si ritrova a dover gestire una situazione straordinaria, tentato dal darsi alla fuga, ma che alla fine capisce che non può tirarsi indietro. Le domande sul suo conto sono ancora più fantasiose di quelle riguardanti l'scendenza di Rey. Perchè Kylo Ren sembra percepire la Forza in lui, all'inizio del film, perchè raccoglie la spada di Luke e la usa contro un suo ex collega prima e contro Kylo Ren poi. Non con grande maestria, è vero, ma neppure come farei io se mi ritrovassi a maneggiarla. E se la forza scorre in lui... Be', gli sviluppi potrebbero correre in mille direzioni.

Oscar Isaac

L'Han solo di questa trilogia potrebbe essere invece essere Poe (Oscar Isaac), il miglior pilota della Resistenza che a un certo punto avevamo dato per morto e invece ritorna più vivo e forte che mai a guidare l'assalto alla Morte Nera... ehm... al Supercannone del Primo Ordine. Certo, è meno ironico e sarcastico del vecchio Han, ma di carisma ne ha da vendere e credo proprio che nel prossimo episodio gli verrà dato più spazio. In episodio VII, originariamente doveva fare giusto una comparsata... Poi Abrams ha deciso che il personaggio gli piaceva e ha deciso di regalargli molte più scene. Ottima scelta J.J.!

Harrison Ford

Carrie Fischer e Harrison Ford

Mark Hamill - Il risveglio della forza

E come non parlare dei protagonisti della vecchia trilogia?
Han Solo, Chewbacca, Leia e Luke... Ci sono tutti. Chi di più, chi di meno... Ma ognuno ben dosato e in maniera funzionale alla storia. In particolare l'assenza di Luke per il 99% del film è un elemento così pesante che si percepisce dai titoli di testa all'ultima scena, che ci regala un cliffhanger da serie tv mica da ridere. Per i fan ogni inquadratura e ogni battuta (o ruggiti) dei propri beniamini sono manna dal cielo, da conservare nella cassaforte dove già sono custodite le migliori perle cinematografiche: "Chi è strapezzente?", "Ti amo. Lo so", ecc.

Adam Driver

Non mi sono dimenticata di Kylo Ren (Adam Driver)... L'ho tenuto per ultimo perchè a mio avviso è il personaggio più interessante e sfaccettato del film. A qualcuno non è piaciuto perchè non ha un volto che incute timore e perchè non "ha lo spessore di Darth Vader". Ma io credo che invece sia proprio questo il bello di questo personaggio. Non è un supercattivone onnipotente fatto è finito. Kylo è un ragazzo dal grande potenziale ormai avviato sul sentiero sbagliato, non ancora completamente addestrato, sedotto dal lato oscuro della forza, arrabbiato, isterico, frustrato, combattuto. Ha l'ambizione di portare avanti il lavoro di suo nonno Darth Vader ma contemporaneamente è amareggiato per non essere ancora riuscito a raggiungere quei risultati. Si rende conto che al confronto con lui perde di svariate lunghezze... Ed è questo il motivo, a mio avviso, per il quale nel momento decisivo, quando la luce svanisce lasciando spazio solo all'oscurità, davanti al bivio più importante sceglie la via del non ritorno e uccide suo padre. Era l'ultimo ostacolo, quello che doveva superare per aspirare alla grandezza. La scena è telefonata, ma ha una forza empatica enorme.
Io credo che il dualismo venutosi a creare tra Kylo e Rey in questo episodio sapra regalarci grandissime soddisfazioni nei prossimi due, considerando il fatto che entrambi hano ripiegato per andare ad allenarsi nelle vie della forza presso i rispettivi Maestri.
Hype già alle stelle, insomma.


Della realizzazione tecnica invece cosa dire?
Ecco, su questo fronte è tutto perfetto.
Il ritmo del film, che fa volare davvero il tempo, la scenografia e i costumi, così vicini alla trilogia originale come look ma con la qualità che le moderne tecnologie offrono, musiche sempre al posto giusto, effetti speciali che nemmeno li noti, battaglie e combattimenti iperrealistici...
E' tutto un whooo-hooo mentre si guarda questo film e in fondo diciamolo... era esattamente quello che volevamo.

E voi, cosa ne pensate?

J.D.

3 commenti:

Michel Chirac ha detto...

si a me è piaciuto davvero, ad altri amici no.. concordo su tutto eccetto (sono sol gusti personali!!) per adam driver, penso che abbia un carisma incredibile finchè indossa il casco, poi.. diventa un adolescente sclerato (ma questa è una cosa tipica di jj..), ho trovato il film forse un pò troppo spiritoso e poi.. la questione han solo mi ha fatto smadonnare in modi che non ritenevo possibili, anche per quello che riguarda la creatività delle bestemmie, ecco.. per il resto.. mi è piaciuto, giuro! di sicuro andrò a vedere sia episodio 8 e 9 e anche gli spin off.
ah, e poi mi sono riguardato balle spaziali appena sono tornato a casa..
che lo sforzo sia con voi!!!

Massimiliano ha detto...

Purtroppo l'ho trovato un film derivativo e con buchi di sceneggiatura troppo pesanti. Bene i personaggi ed il ritmo..buona la regia...da rivedere assolutamente lo script...voto sei solo per il finale...

Massimiliano ha detto...

Purtroppo l'ho trovato un film derivativo e con buchi di sceneggiatura troppo pesanti. Bene i personaggi ed il ritmo..buona la regia...da rivedere assolutamente lo script...voto sei solo per il finale...

Posta un commento